«Muto, bismuto, obsoleto. Adesso non lo leggo»: la denarrazione secondo Agnetti