Alcune osservazioni sul rapporto arte-vita in Kafka