La tragedia come forma del possibile. Riflessioni sulla poetica di Eschilo