"Progresso", sicurezza e Unione Europea: la distanza (di precauzione) che li separa