Tra memoria d’artista e razionalità dello storico. A proposito del Piccolo Teatro nel Romanzo della regia