Giovanni Hajnal, un outsider dell’arte italiana nel secondo dopoguerra