Sulla utilità di una tassonomia moderna dei fondamenti dell’architettura